La penna blu

Ma dove va la penna blu?

Mi sfugge via guizzando pronta e veloce come un pesciolino argentato nell’acqua trasparente e non saprò mai quale sarà il suo viaggio se non mi lascerò trasportare con lei dentro l’oscurità della notte misteriosa rischiarata appena da qualche costellazione.

Mi lascio andare e il tempo diventa sottile, diventa un foglio da arrotolare e da portare sotto il braccio, diventa un tappeto su cui dormire e sognare, un mezzo per farsi trasportare molto lontano.

Più arriverà lontano più scenderò in profondità dentro di me, più scenderò profonda dentro di me più arriverò lontana sulle ali del tempo trasformato in un variopinto tappeto.

Ora è facile lasciarmi andare: la penna danza sicura sul foglio e il suo inchiostro blu è la mia guida. Per ora non ha intenzione di fermarsi…

Respiro profondo e sento di nuovo i ritmi diversi del giorno e della notte, della stagioni, dei mesi…

La luna nuova è pronta per cambiare ancora la sua faccia.

 

Cristina R. – Marzo 2013

 

luna-fasi

 

CRYSTAL CASTLE

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...