C’è un momento dell’anno…

“I sogni quando sono luminosi, diventano messaggeri divini.”

“Cambio d’abito e mi sento diversa.
Un cappottino lungo e stretto mi fascia le curve del corpo e nel momento in cui esco fuori all’aperto evoca la magia di tempi diversi.

Avanzo come fossi seduta in alto, sul dorso di un cavallo. La schiena è diritta e lo sguardo diretto e sicuro.
Il giorno con il suo vento imprevedibile accarezza la pelle e risveglia. Il passato e il futuro si incontrano in un unico istante senza tempo.

C’è un momento nell’anno in cui quell’unica stella brillante nel cielo della sera sembra parlare come musica dentro un sogno rarefatto.
C’è un momento dell’anno in cui i colori caldi sono necessari per accendere calore nei cuori abituati a vedere tutto e troppo.
Ci sono momenti dell’anno in cui si arriva a comprendere che già è tutto fatto, che le difficoltà non esistono e non c’è mai stato un confine tra il bianco e il nero.
La soluzione è già tra le mani, lentamente le tensioni si sciolgono, tutti gli alberi rimangono spogli e nella loro bellezza si mostrano così come sono.

C’è ancora un momento che mi emoziona, che si moltiplica per cento: l’incontro, l’unione di noi che diventiamo inventori nell’arte della vita.

A volte il silenzio regala più della musica e dà sollievo ad una vita un po’ folle, che non si ferma mai.
Sono un’anima vecchia, antica… un’anima dei tempi passati…
…forse per questo amo il silenzio e nella sua vastità mi dipingo di tutte le gradazioni dell’oro.”

– Sabato 26 novembre 2011 –

images (3)

Annunci

Fili sospesi

La poesia non accade sulla pagina bianca
la poesia accade dentro un gesto che riscalda il cuore.

Si annida tra le pieghe di un’ala appena appena ferita,
suona la musica dentro silenzi che sembrano lunghissimi.

Arriva inaspettata e si infila come un guanto,
perfetta fusione nel ritmo del respiro.

Dopo la fiammata arriva la carezza,
tutto s’aggiusta e trova pace.

Cristina Rudi – settembre 2011

203929_m

Risuonano i sogni

“Ricorderò i sogni più colorati solo al risuonare di una coincidenza.
Per ora sono lì, vigili e pieni,
pronti a saltare fuori proprio sotto la superficie delle apparenze.

I sogni sono fiumi in piena che spazzano via ogni finzione
perchè attingono la loro forza dall’inconscio profondo.

Per questo, anche per questo scrivo.
Per dare spazio ai sogni,
a quelli notturni e a quelli di sempre.

Perché spesso vogliamo far finta di non vederli.
Ma loro sono lì che ci guardano:
hanno versato se stessi dentro lo sguardo di un bambino
o di un vecchio che vulnerabile ci sorride,
oppure nel messaggio lasciato dalla coda di velluto di un gatto che passa vicino a noi.

Quanti sogni hai raccolto stanotte piccola anima ribelle?

Portali fuori a prendere la luce delle stelle!
Dai una voce ad ognuno di loro!
Sono gli amici che ti accompagneranno per tutta la vita.”

Morning page – 2 novembre 2014

Head_in_the_Clouds_by_allison712

pic by : http://allison712.deviantart.com/art/Head-in-the-Clouds-62339163