Messaggio nella bottiglia

Una voce fievole e lieve mi chiama.
Non è lontana. Nella mia fantasia è un messaggio dentro una bottiglia trasportata dalle onde del mare, è un messaggio che ha attraversato la porta dei sogni ed è riuscito a ritornare a casa.

Lo compongono segni e arabeschi dentro una frase breve ma profonda:

“Per comprendere te stessa ricordati di guardare il cielo e le stelle che si riflettono in te come specchio limpido e chiaro portatore di saggezze antiche.
C’è sempre una stella che brilla dentro di te: è la stella che ti guida senza esitazione.
Ascoltala e lasciati guidare.
Tu sei tu, ma non sei più tu quando sciogli le differenze e diventi tutt’uno con il mondo.”

messages-bouteilles-verre

“message-bouteilles-verre” Marie Claire Idees – N° 68- Mars 2008

Annunci

Our time – Il nostro tempo

“Quando imparerai che ci sono stelle che brillano in alto
lontano nel cielo, ma anche dentro di noi…
Quando capirai che ogni cosa passerà e che noi non siamo che minuscoli frammenti ricercatori di magie…
Quando saprai che più si dà e più si diventa grandi
che la vita è un soffio e non la dobbiamo lasciare passare senza vederla veramente…
Quando sentirai che il tempo vola solo se noi lo decidiamo…
 allora insieme  attingeremo acqua a quella sorgente,
unendo a cuore le nostre mani
ci sentiremo felici e liberi proprio come il primo giorno dentro il nostro viaggio infinito.
Non verserò più lacrime adesso e ogni cosa dolorosa che vorrai farmi provare non passerà dentro ma scivolerà via, come un bottone staccato da un impermeabile troppo grande.”
(10 febbraio 2012)
il_570xN.718825973_j7smil_570xN.718700184_fss5

Viaggi nel tempo

Favole di un giorno che ritorna a splendere nei tuoi occhi stanchi,

notti lunghe dentro tappeti volanti che trasportano oltre  confine.

Occhi che si chiudono e sognano per un solo istante,

giorno che si accende di nulla

di luci, fiori e  colori

tanto belli da togliere il fiato,

tanto che ogni parola aggiunta  sarebbe troppo.

Rudi C. 2/6/2014

 

Summer_Dream_by_intao

 

pic Summer Dream by Deviantart

Morning page #6 – January

Ho catturato spiragli di luce tra  nuvole mobili,

ho trovato soffi di vento tra le pieghe del tempo,

scintille nuove e comprensioni antiche.

Ho unito i miei pensieri ai colori che ho lasciato prendere vita sui fogli,

nelle varie stratificazioni.

Una cartelletta di lavori non finiti contiene il segreto,

tra le mani si trova la partenza,

tra i pensieri attraverso il cuore si trova il processo,

il proseguimento della mia avventura.

Non ci sono più scuse quando riesco a riconoscerle come tali.

Ora e qui ci sono io, i miei colori, la luce che ho scoperto

e i doni che posso fare, l’espressione della felicità.

7 gennaio 2014

1656312_832590156785345_3428302998675685589_n

pic by Pinterest

 

e aggiungo qualcosa di personale…

La lista dei 20 libri che ho letto nel 2014 in ordine cronologico di lettura.
Ho amato e apprezzato alcuni libri più di altri, ma in generale sono soddisfatta.

1 – Una bottiglia nel mare di Gaza di Valèrie Zenatti
2 – La farfallla tatuata di Philip Pullman
3 – Mr Gwin di Alessandro Barrico
4 – Marina di Carlos Ruiz Zafon
5 – Il diario di Jane Somers di Doris Lessing
6 – Stoner di John Williams
7 – Il principe meccanico di Andreas Stheinhofel
8 – La ricerca della terra felice di Uri Orlev
9 – Storia di una lumaca che scoprì l’importanza della lentezza di Luis Sepùlveda
10- Cuore d’inchiostro di Cornelia Funke
11- Il fante di cuori e la dama di picche di Joanne Harris
12- Un’estate una vita di Julia Green
13- Amore di Yasushi Inoue
14- Bitten di Kelley Armstrong
15- Molte vite, un solo amore di Brian Weiss
16- Il diario di cuoio rosso di Lily Koppel
17- Borgo Propizio di Loredana Limone
18- Le lacrime della salamandra di Peter Dickinson
19- I diari dell’angelo custode di Carolyn Jess-Cooke
20- Harry potter e la pietra filosofale di J.K. Rowling

I diari dell_angelo custode

th (1)

th

Il pianeta degli alberi di Natale

“Dove sono i bambini che non hanno l’albero di Natale

con la neve d’argento, i lumini e i frutti di cioccolata?

Presto, presto, adunata, si va nel Pianeta degli alberi di Natale,

io so dove sta.

Che strano, beato pianeta…

Qui è Natale ogni giorno.

Ma guardatevi attorno: gli alberi della foresta,

illuminati a festa, sono carichi di doni.

Crescono sulle siepi i panettoni,

i platani del viale sono platani di Natale.

Perfino l’ortica, non punge mica,

ma tiene su ogni foglia una campanella d’argento

che si dondola al vento.

In piazza c’è il mercato dei balocchi.

Un mercato coi fiocchi,

ad ogni banco lasceresti gli occhi.

E non si paga niente, tutto gratis.

Osservi, scegli, prendi e te ne vai.

Anzi, anzi, il padrone ti fa l’inchino e ti dice: ” Grazie assai,

torni ancora domani, per favore: per ma sarà un onore…”

Che belle le vetrine senza vetri!

Senza vetri, s’intende,

così ciascuno prende quello che più gli piace: e non si passa

mica alla cassa, perchè

la cassa non c’è.

Un bel pianeta davvero

anche se qualcuno insiste

a dire che non esiste…

ebbene, se non esiste, esisterà:

che differenza fa?”

da: “Filastrocche in cielo e in terra di Gianni Rodari – Einaudi

♥  ♥  ♥

Tanti cari auguri a tutti i miei lettori!

scansione0009(3)

scansione0013

Acquerello originale su carta di cotone – Dicembre 2009